A colpi di pedale – La straordinaria storia di Gino Bartali

La Giornata della memoria con Gino Bartali
Si avvicina la Giornata della memoria, celebrazione internazionale fissata al 27 gennaio dalle Nazioni Unite per commemorare le vittime dell’Olocausto.
Numerose sono le iniziative  anche in Italia, che aiutano a tramandare questa memoria alle generazioni più giovani.
E anche a “rinfrescarla” agli adulti distratti.
Per questa occasione Paolo Reineri, autore di A colpi di pedale, è stato invitato a raccontare la storia di Gino Bartali; sì, proprio il famoso ciclista, che è anche “Giusto tra le Nazioni”, dichiarato cittadino onorario dello Stato di Israele il 2 maggio 2018 per l’impegno a difesa di centinaia di ebrei durante la Seconda guerra mondiale.


A colpi di pedale – La straordinaria storia di Gino Bartali – Con una intervista a Vincenzo Nibali

A colpi di pedale in cima ai Gran Premi della montagna e poi in picchiata verso il traguardo, per trionfare nelle grandi corse a tappe e nelle “classiche” di  mezza Europa.
A colpi di pedale, a rischio della propria vita, per salvare centinaia di ebrei dalle persecuzioni nazi-fasciste, nascondendo documenti falsi nel telaio dell’inseparabile bicicletta.
A colpi di pedale sulle strade di Francia, correndo per l’Italia libera ma in subbuglio dopo l’attentato a Palmiro Togliatti.
A colpi di pedale guidato da una grande fede in Dio e con il desiderio nel cuore di fare sempre il bene, senza bisogno di vantarsene in giro.
Questo è stato il grande Gino Bartali!